Sabato, 07 Luglio 2018 00:51

CR7 alla Juventus, Gasperutti: "Un grande affare ma immorale"

Scritto da 
Vota questo articolo
(4 Voti)
Bruno Gasperutti Bruno Gasperutti

CR7 è l'affare più importante del calciomercato di quest'estate, quello che attirerà tutta l'attenzione mediatica post mondiale russo.

Per valutare l'operazione, secondo Bruno Gasperutti, bisogna sviscerarla da diversi punti di vista. Ecco il suo pensiero:

"Dal punto di vista etico è un'operazione immorale per un paese in crisi come l'Italia, ma questo non interessa veramente a nessuno.

Dal punto di vista del business è sicuramente un grandissimo affare per la Juventus, che in questo modo si affianca finalmente alle 3-4 potenze del calcio mondiale e come valenza economica potrà competere con tutte, aumentando il proprio fatturato in maniera esponenziale.

Dal punto di vista sportivo per la Juventus cambierà poco nel campionato italiano, dove la competitività è destinata a scomparire (per il massimo traguardo) e dove da sette anni la fa già da padrona; ma in Europa, almeno per un paio di anni grazie a Ronaldo, potrà sperare di arrivare finalmente ad alzare questa benedetta, agognata Champions. La Juventus già da anni è la dominatrice indiscussa del campionato e lo scarto con il resto della compagnia è abissale, ma in Champions con un Ronaldo in più nella sfide che contano potrebbe avere l'uomo che fa la differenza nelle gare che contano.

Per tutte le altre squadre del campionato invece e per gli sportivi che si emozionano per l'incertezza e la competitività del nostro campionato, sono tempi grami, ma lo sono già da diversi anni. Ebbene ora sarà peggio, perchè l'affare Ronaldo non è solo campo, dove comunque si gioca 11 contro 11, ma è determinante per tutto quello che ci sta dietro. Se la Spal fattura 30 milioni di euro e ha un monte stipendi di 20 milioni, come può fare lo stesso campionato e competere con la Juventus che ne fattura ora quasi 500 ed è destinata ad aumentarlo ancora? Qualcuno dirà ma l'Inter, il Milan, il Napoli, la Roma... intanto come fatturato parliamo già oggi, di scarti più che doppi rispetto ai bianconeri con tutte le altre concorrenti a distanze abissali. Se poi pensiamo che CR7 come stipendio costerà alla Juventus attorno ai 100 milioni all'anno per 4 anni, si parla infatti di un affare sui 450 milioni complessivi! Ma quant'è il monte stipendi delle concorrenti per lo scudetto?
Il Milan che è quello che paga di più è posizionato sui 114 milioni complessivi, destinato a scendere per il fair-play finanziario, poi abbiamo Roma (93) Inter (82) Napoli (80) Lazio (60) Torino (38) fino al Crotone (11): non c'è competitività.
Poi la Juventus come società è organizzatissima e ben amministrata e in Italia non ha rivali; tutto funziona a meraviglia: dalla direzione al campo di gioco ed è di gran lunga superiore a tutte le altre. Ha avuto anche la lungimiranza di dotarsi di uno Stadio tra i migliori d'Europa, che è diventato un vero fortino inespugnabile e punto di forza finanziario importantissimo e mentre tutte le altre squadre italiane hanno avuto o avranno grossissimi problemi politici per procurarsi un'area dove far erigere il loro stadio di proprietà, che comunque è lontano ancora da realizzarsi, la Juventus l'ha avuto quasi in dono. Perchè di regalo si deve parlare, quando l'area di 350.000 mq è stata pagata 0,58 euro al mq., cioè 203.000!! Se pensiamo che per riqualificare il Campo “Ferrini” a Trieste, si dovrebbero spendere cifre attorno al milione di euro....
Ultima cosa, con l'arrivo di CR7 anche il calcio italiano se ne gioverà e acquisterà finalmente una certa visibilità e importanza mediatica a livello internazionale e potrebbe fare da traino per l'arrivo di qualche altro giocatore di interesse mondiale. Se pensiamo che i diritti Tv per il campionato italiano sono stati pagati meno dei diritti per la Liga, Premier, Bundes e addirittura League francese, ci rendiamo conto di come vedono il nostro calcio e di come siamo considerati da media e sponsor all'estero. Certo non ci si potrebbe aspettare l'arrivo di altri... Ronaldo per Inter, Milan, Roma, Napoli, perchè nessuna di queste squadre sarebbe in grado di sostenerne i costi, ma almeno tanti buoni giocatori europei non storcerebbero il naso alle “avances” italiane, aspettando l'offerta monstre delle big europee e il nostro campionato ne gioverebbe dal punto di vista di qualità".

 

 

Letto 210 volte Ultima modifica il Sabato, 07 Luglio 2018 01:02

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna