Martedì, 13 Marzo 2018 20:22

Finalmente la Triestina, si avvera il sogno del tuttofare Giuliano Bagatin

Scritto da 
Vota questo articolo
(3 Voti)
Giuliano Bagatin Giuliano Bagatin

Alla Triestina, nell'era Milanese, nulla sembra lasciato al caso.

 

L'esperienza di Mauro e l'entusiasmo di Mario. Inteso naturalmente come Biasin. Dalla Prima squadra ai Piccoli Amici questo mix dev'essere il fattore dominante. Per far crescere i ragazzi, di tutte le età, si sono scelte persone con tanto calcio sulle spalle e altre con tanta voglia di fare. Una di queste, con entrambe le caratteristiche, è sicuramente Giuliano Bagatin, dirigente dei Piccoli Amici.

Sessantratreenne, felicemente pensionato, anche se con un recente difficile passato essendo stato uno dei tanti esodati colpiti della legge Fornero. Nato a Trieste, si è ben presto trasferito a Udine con la famiglia. Lì ha iniziato a giocare a calcio, nella periferica Paderno. "Era il 1970 -racconta Bagatin- e per la prima volta giocammo in notturna. Con la maglia della friulana Olimpia segnai un gol pazzesco dopo aver saltato ben sei avversari. Un'impresa che nel paesino friulano se la ricordarono per diversi anni, anche perchè il mio ruolo non era di attaccante ma bensì di difensore".

Finiti gli studi Giuliano è tornato a Trieste. Poi il servizio militare negli Alpini partecipando anche ai soccorsi durante il terremoto del 1976. Arriva il momento del lavoro, per 35 anni fa l'informatore scientifico per alcune multinazionali farmaceutiche. In mezzo il matrimonio ed un figlio. Vista la sua occupazione, nel 1988, è chiamato dal farmacista Tito Rocco e altri amici, noti nel campo medico, a far parte di una squadra iscirtta al Campionato Italiano della Medicina. E qui Bagatin ricorda un altro dei suoi rari gol: "In semifinale giochiamo contro i colleghi calabresi di Melito Porto Salvo. Entro nel secondo tempo e stiamo perdendo per 2-0. Facciamo il 2-1, mancano 3'. c'è un corner, invito Tito ad andare a saltare in area, io rimango a centrocampo. La difesa respinge, il pallone viene dolcemente verso di me, la prima idea è quella di crossare in mezzo ma poi opto per il tiro: palla all'incrocio da 40 metri, 2-2 e vittoria nostra ai calci di rigore. In finale perdemmo contro il Perugia di Boranga (proprio oggi, 13 marzo, a 75 anni ha firmato come portiere in Terza categoria!). Diventammo quindi vice campioni d'Italia".

Nel 1994 si trasferice a Duino Aurisina e ne approfitta per sbarcare nella locale società del Latte Carso occupando tutti i possibili ruoli: dirigente, allenatore, arbitro, magazziniere, fino a diventare vice presidente. E per cinque anni, da qelle parti, fa anche il consigliere comunale. Ma tornando al calcio poi cambia diverse società, con vari ruoli: Fincantieri, Isonzo S.Pier, Aurisina, e S.Andrea San Vito prima dell'attuale Triestina.

Una sorta di sogno il suo che si avvera essendo da sempre tifoso dell'Unione: "Mio papà mi disse di avermi portato a vedere nel 1959 l'Alabarda in serie A. Ma sinceramente non ricordo. Quello che invece Ricordo benissimo è il 1967, nel vecchio Moretti un Udinese-Triestina con il gol del bianconero Galeone a metà ripresa. Eravamo quasi rassegnati alla sconfitta ma prima Ridolfi e poi nel tempo di recupero Pedroni capovolsero il risultato. Finì 1-2 e il giorno dopo a scuola, in seconda media, in terra friulana, per me fu un'immensa goduria". Tanti sono ad ogni modo i ricordi e tanti sarebbero gli aneddoti di Giuliano Bagatin legati al mondo del pallone. Uno dei più recenti è legato all'Aurisina Cup, kermesse di calcio a 5 e organizzata per beneficienza dal 1987. "Nel 2008 partecipo con un gruppo di ragazzi tra i 15 e i 17 anni e arrivammo terzi su venti squadre. Negli anni successivi altri ottimi piazzamenti tra cui anche un secondo posto. Nell'ultima edizione ero deciso ad abbandonare ma poi mio figlio e altri ragazzi mi convinsero a continuare. E fu l'apoteosi perchè vincemmo la manifestazione. Il trionfo arrivò nel giorno del mio compleanno. La notte rispondo ad un amico che mi fa gli auguri dicendogli che era il giorno più bello della mia vita". Per ora, aggiungiamo noi.

Letto 466 volte Ultima modifica il Domenica, 15 Aprile 2018 12:31

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi commenti agli articoli