Sabato, 07 Novembre 2020 20:37

Gasperutti e la storia del calcio triestino, nel 1966 nasce la Terza categoria. Tremila spettatori per il Ponziana

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)
16.4.1967  Ponziana - Saici   2-1  il piccolo campo Ponziana gremito con  oltre 3000 spettatori, sarà il canto del cigno dell'impianto destinato  a scomparire per lasciare posto ad un complesso residenziale 16.4.1967 Ponziana - Saici 2-1 il piccolo campo Ponziana gremito con oltre 3000 spettatori, sarà il canto del cigno dell'impianto destinato a scomparire per lasciare posto ad un complesso residenziale

Nel 1965/66 ritornata in serie C l'Alabarda viene affidata al confermato allenatore Frossi,

uno che al tempo era considerato un vero mago di tattica, ma che a Trieste lascerà un ricordo veramente poco positivo. I proclami inizialmente sono roboanti e si parla di ritorno immediato in B, ma la realtà è ben diversa e dopo i tanti proclami del dott. Frossi, uno a cui non mancava certo la dialettica e che sapeva vendere la sua merce, la squadra in piena lotta per la retrocessione viene consegnata nelle mani più sagge e pragmatiche di Arcari. E' un allenatore onesto di categoria, che si mette umilmente al lavoro e porta la squadra in salvo, per poi lasciarla nelle ultime partite nelle mani di Sadar giocatore-allenatore, stanco del caos che regnava in una società che viveva alla giornata.

Tra i dilettanti, la Pro Cervignano vince il titolo regionale, ma non viene ammessa alla serie D; prima delle triestine è l'Arsenale che ha oramai acquisito un ruolo importante in ambito regionale e può mettere in campo una squadra di tutto rispetto con giocatori di gran valore. 4° il Ponziana i cui giovani hanno oramai acquisito grande sicurezza e dal cui vivaio che sembra inesauribile, può trarre sempre nuova linfa. Ottavo il solito coriaceo Cremcaffè, dal rendimento sempre regolare, ma che non riesce a fare il salto di qualità; 9° il S.Giovanni e poi la Muggesana, ma tutte e due con il patema di tenere lontana la zona pericolosa fino alla fine. In II^ categoria dopo un solo anno ritorna tra le elette dei dilettanti la Fortitudo che vince con distacco davanti a Turriaco e Libertas; da segnalare il brutto campionato dell'Edera oramai stella cadente in grossa crisi finanziaria, che si salva solo alla fine, mentre invece dopo solo un anno, deve lasciare la categoria il Primorje che dopo il putiferio suscitato nell'annata precedente, non riesce a salvarsi. Questa è l'annata in cui nasce la Terza Categoria dilettanti a cui si iscrivono ben 17 squadre triestine, che vengono divise in due gironi. Da notare che dopo lo sgonfiamento del caso Primorje dell'anno precedente, vanno a formarsi altre tre squadre di radici slovene: Breg, Vesna e Union che ben presto saranno seguite da tante altre nuove formazioni dell'altipiano triestino. I due gironi sono vinti da Rosandra Zerial e Libertas Barcolana, che accedono agli spareggi per salire di categoria, ma soltanto la Barcolana riesce a superare la serie di spareggi, mentre il Rosandra dovrà pazientare ancora un anno.

 

Nel 1966/67 la Triestina, dopo la difficile annata precedente, si affida a Caciagli ma fa sempre una fatica enorme a far gol e coglie una marea di pareggi che la mantiene per tutto il campionato in una zona pericolosa. La prima vittoria arriva addirittura a fine girone di andata; poi a Caciagli che viene esonerato, subentra Enrico Radio che rimette in careggiata la squadra. Per fortuna ci sono due squadre più disastrate che risolvono tutti i problemi di classifica, ma per la Triestina i tempi sono ancora travagliati e il momento per risollevarsi è ancora lontano. Tra i dilettanti, le squadre triestine vengono raggruppate nel girone isontino, il Ponziana invece chiede di essere inserito nel girone friulano sobbarcandosi l'onere di trasferte disagiate, per evitare il gran numero di derby, che secondo la sua dirigenza tolgono qualcosa in fatto di punti, per l'eccesso di agonismo e rivalità che riservano. Il Ponziana poi non ha problemi di incassi mancati o di presenze di spettatori, in quanto i suoi tifosi affezionati riempiono sempre le anguste scalee del suo storico impianto. Alla fine ha ragione la scelta dirigenziale e il Ponziana vince il campionato ritornando trionfalmente in serie D e ben 3.000 spettatori assistono alla sua vittoria sul Saici nella partita decisiva per la promozione. Purtroppo dopo questa stagione il suo campo di gioco verrà abbattuto per far spazio ad un complesso residenziale, ma questa è un'altra triste storia. Nell'altro raggruppamento isontino tutte le squadre triestine disputano una stagione senza sussulti; la migliore è la Fortitudo quarta, ma che però giunge a grande distanza dal Pieris che vince il girone. A centro classifica nell'ordine Arsenale, Muggesana, S.Giovanni e Cremcaffè, tutte senza grossi patemi, né ambizioni di classifica. Nella Seconda categoria ritorna in auge la Postelegrafonici che ha messo in piedi una squadra molto competitiva e vince nettamente il suo girone, ritornando trionfalmente nella massima categoria dilettanti, dopo qualche anno d'assenza. A distanza al sesto posto l'Edera che non è più la squadra di un tempo, poi Libertas e Crda, mentre la Barcolana dopo la promozione dell'anno precedente, disputa un campionato decisamente scadente, ottenendo una sola vittoria e ben 16 sconfitte, abbandonando anzitempo le speranze di salvezza. La terza categoria vede le 22 squadre triestine iscritte, divise in due gironi che vedono primeggiare le squadre dell'altipiano. Nel primo girone Vesna e Primorje arrivano appaiate e devono giocare uno spareggio che vede prevalere il Vesna, mentre l'altro girone viene vinto dal Rosandra che domina incontrastato e finalmente corona la sua ambizione di iniziare la scalata alle categorie superiori. Al secondo posto a distanza, si classifica la Virtus che da anni partecipava ai campionati del CSI e che solo recentemente si è affiliata alla FIGC. La Virtus come il Don Bosco, il Villaggio del Fanciullo, il CGS e altri oratori, erano per tradizione delle società pure, che formavano e fornivano le maggiori squadre cittadine di giovani talenti, che in un'epoca in cui si cominciava a giocare solo a 14 anni compiuti, tiravano i primi calci negli oratori e luoghi di aggregazione per la gioventù. Ponziana, S.Giovanni, Triestina, ma in genere tutte le società dilettantistiche ne avevano tratto per anni molto giovamento e con opportune leve estive, erano riuscite a tesserare questi ragazzini, che erano cresciuti in queste strutture senza coercizioni e obblighi, cui fornivano l'abbigliamento consono per proseguire l'attività sportiva in modo più adeguato, con dei maestri a disposizione per l'insegnamento. Con l'affiliazione alla FIGC di queste società pure, le leve estive delle società dilettantistiche che organizzavano dei tornei canicolari di selezione vengono a cessare e anche queste piccole realtà, cominciano ad allevare in proprio i ragazzini che frequentano le loro strutture.

BRUNO GASPERUTTI

 

 

 

 

 

 

Letto 111 volte

2 commenti

  • Link al commento Стремись не к тому, чтобы добиться успеха, а к тому, чтобы твоя жизнь имела смысл. https://helloworld.com?h=05d1ab4c940ce97a390fdbd264c80fce Domenica, 22 Novembre 2020 04:27 inviato da Стремись не к тому, чтобы добиться успеха, а к тому, чтобы твоя жизнь имела смысл. https://helloworld.com?h=05d1ab4c940ce97a390fdbd264c80fce

    Стремись не к тому, чтобы добиться успеха, а к тому, чтобы твоя жизнь имела смысл. https://helloworld.com?h=05d1ab4c940ce97a390fdbd264c80fce&

  • Link al commento Стремись не к тому, чтобы добиться успеха, а к тому, чтобы твоя жизнь имела смысл. https://helloworld.com?h=05d1ab4c940ce97a390fdbd264c80fce Giovedì, 19 Novembre 2020 12:27 inviato da Стремись не к тому, чтобы добиться успеха, а к тому, чтобы твоя жизнь имела смысл. https://helloworld.com?h=05d1ab4c940ce97a390fdbd264c80fce

    Стремись не к тому, чтобы добиться успеха, а к тому, чтобы твоя жизнь имела смысл. https://helloworld.com?h=05d1ab4c940ce97a390fdbd264c80fce&

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli