Sabato, 27 Febbraio 2021 16:26

Gasperutti e la storia del calcio triestino, nel 1991 nasce l'Eccellenza. La Roianese alla Domenica Sportiva

Scritto da 
Vota questo articolo
(4 Voti)
5.1.1992: Ponziana - Ruda 2-1 una delle poche soddisfazioni dei biancocelesti nella travagliata annata 5.1.1992: Ponziana - Ruda 2-1 una delle poche soddisfazioni dei biancocelesti nella travagliata annata

Ventiseiesima puntata della storia del calcio a Trieste a cura di Bruno Gasperutti.

 

1991/92 La Triestina è nuovamente in serie C e in estate si susseguono voci di nuove fantomatiche cordate, che vorrebbero subentrare ad un De Riù che si dice sia stanco e sfiduciato, per essere stato lasciato da solo al timone della Società. L'unica cosa certa è proprio questa: il presidente dopo aver sfiorato la serie A, ha perso l'entusiasmo. Nicola Salerno diventa la figura di riferimento e viene nominato Amministratore Unico e D.S. e viene ingaggiato come allenatore Zoratti, che aveva appena ottenuto un grande risultato con la Massese, riportandola in serie C. La squadra viene rivoluzionata ed è oramai una consuetudine, in due sessioni estiva e autunnale e anche questa è diventata un consuetudine, però operando così si procede a tentoni senza una vera programmazione. Il campionato fin dalle prime giornate è una sofferenza per la tifoseria, che magari all'inizio vedendo 20 nuovi giocatori acquistati sul mercato, si era illuso. Però Zoratti è un allenatore prudente e pur con il materiale non eccelso a disposizione riesce a mantenere un cammino costante: si perde poco, anche se si pareggia fin troppo, con il risultato che fino alla fine si vedono le squadre di testa lì a 5-6 punti e si spera sempre. Poi arriva la capolista Spal a Trieste, vince dimostrandosi nettamente superiore e il campionato va in archivio già ad aprile, tra il distacco della tifoseria delusa che nelle ultime esibizioni diserta lo stadio.

Nel nuovo massimo campionato regionale denominato Eccellenza, troviamo una sola nostra rappresentante, il S. Giovanni appena retrocesso dalla serie D. Il presidente Ventura forse sottovalutando un po' la nuova categoria, pensa che una formazione di giovani alcuni dei quali, forgiatisi nel precedente campionato sotto la guida dell'esperto Medeot, fosse sufficiente per disputare un buon campionato, invece la squadra fatica e a fine andata si ritrova all'ultimo posto con soli 6 punti. Ventura prende in mano la squadra e con un ritorno in rincorsa, raggiunge all'ultima giornata la Cormonese sul terz'ultimo gradino della classifica, con il diritto di giocarsi la salvezza nello spareggio. A Ronchi nell'ultimo atto della stagione, davanti ad un pubblico numeroso e appassionato, i rossoneri grazie ad una rete del bomber Fadi, completano il miracolo e si salvano. Per far comprendere la portata dell'impresa dei rossoneri illustriamo la cavalcata finale: dopo 24 giornate, la squadra era al penultimo posto con la Cormonese distante ben 7 punti, che a quei tempi era una enormità, poiché allora si assegnavano 2 punti a vittoria. Ebbene nelle ultime 6 gare il S. Giovanni ottiene 6 vittorie di di fila, di cui 3 fuori casa e pensare che fino a quel momento di vittorie ne aveva conseguite solo 4 e che in trasferta, aveva ottenuto solo 2 pareggi.

La Promozione dopo la riforma, è stata divisa in 2 gironi e le nostre squadre vengono equamente divise nei due gruppi: nel girone A, troviamo: S. Sergio, S. Luigi e Portuale; in quello B Costalunga, Fortitudo e Ponziana. Nel girone A il S. Sergio guidato da Angelo Jannuzzi, disputa un grande campionato sempre nelle posizioni di testa, lottando spalla a spalla con la Sanvitese e conquista all'ultima giornata la promozione, nella partita che condanna invece il Portuale alla retrocessione. I portualini disputano infatti una stagione decisamente amara, basti pensare che ottengono 2 sole vittorie in 30 gare, anche se sono ben 17 i pareggi e pagano lo scotto di una squadra dalle buone individualità, ma ancora molto giovane. Ottimo il campionato del S. Luigi che giunge a ridosso dei primi al 6° posto. Nel girone B, il Costalunga si mantiene sempre ad un buon livello, ma non ha la costanza per agganciare le prime e si classifica al 6° posto finale; 7° la Fortitudo con gli stessi punti, ma il cui cammino è più tribolato: fa fatica nella fase ascendente, ma poi riesce a tirarsi fuori dalle zone pericolose nel girone di ritorno. Va male invece al Ponziana che ottiene la prima vittoria solo a metà dicembre. Poi nel ritorno inizia con una serie di sconfitte che lo fanno precipitare all'ultimo posto e non riesce a risollevarsi più: i soli 6 punti conquistati nella fase discendente, testimoniano delle carenze di organico irrisolvibili.

La nuova I^ Categoria si sviluppa su tre gironi e anche qui riservato il girone A alle squadre del pordenonese, le nostre 6 rappresentanti sono state equamente divise nei raggruppamenti B e C. Nel girone B vengono inserite le tre carsoline, con il Primorje che azzecca una stagione fantastica che la conduce alla promozione con un buon anticipo, lasciando a distanza le friulane Tricesimo e Tolmezzo. Al 4° posto il Vesna sempre a ridosso delle prime, ma il Primorje di questa annata era veramente troppo forte. Più faticoso il cammino dello Zarja, che incerto in avvio si impelaga nella bagarre di coda, che alla fine coinvolge ben 8 delle 16 partecipanti al campionato per due retrocessioni, visto che il Corno è rimasto gravemente attardato. Alla fine lo Zarja si salva con una giornata di anticipo. Nel girone C il Trivignano domina il girone vincendolo senza assilli; si comporta sufficientemente l'Edile Adriatica 5° in classifica, anche se alla fine si ritrova a ridosso della zona pericolosa con soli 3 punti di vantaggio, pur non essendo mai stata in pericolo. In difficoltà le altre due nostre provinciali: il Sistiana si salva all'ultima giornata sconfiggendo nello scontro diretto la Muggesana per 1 a 0, con una rete di Venturini e i rivieraschi con questa sconfitta vengono sorpassati e devono lasciare la categoria.

La II^ categoria è stata strutturata su 6 gironi e le nostre 12 rappresentanti sono state divise su 3 raggruppamenti. Nel girone D la migliore delle nostre è il Campanelle che si classifica 3°, ma a 14 punti dalla prima il Codroipo e mai effettivamente in lotta per la promozione. Bene anche Domio (4°) e Breg (5°)che disputano un campionato di transizione; male invece il S. Nazario attardato fin dall'inizio e che arriva all'ultimo posto. Nel girone E buona la stagione delle nostre squadre cittadine; l'Opicina si classifica al 2° posto ma a 5 punti dalla capolista Aiello, comunque protagonista di una soddisfacente stagione. Bene anche il Chiarbola 4°, il S.Andrea 6° e l'Olimpia 7° mai sfiorate da problemi di classifica durante tutta l'annata. Nel girone F infine, le vicende sono più travagliate: si salva il Kras che alla fine arriva 8° ma solo grazie ad un buon sprint finale; le altre tre invece si ritrovano in pericolo fino all'ultima giornata per Primorec e Zaule la salvezza alla fine arriva con qualche patema di troppo, mentre al Gaja che era un po' attardato, non sono sufficienti alcuni buoni risultati, arrivati troppo tardivamente.

La III^ categoria infine è stata frazionata in tanti raggruppamenti ridotti come numero di partecipanti e le nostre 12 superstiti, sono state riunite nel girone totalmente dedicato alle nostre squadre.  Tante sono le squadre che negli anni hanno abbandonato i tornei della FIGC e sono decisamente tramontati i tempi in cui la terza categoria, vedeva battagliare, più di 30 squadre locali. Vince il campionato alla grande la Roianese allenata da Sergio Beorchia, che fin dalle prime giornate conquista una notevole serie di vittorie consecutive ben 19, ottenendo anche una citazione alla Domenica Sportiva nazionale. La lunga serie di successi lo distanzia da tutte le altre e solo all'ultima giornata conosce l'amarezza dell'unica sconfitta ad opera del Cus. Secondo a distanza ma promosso, lo Juniors Aurisina e terzo il Giarizzole, che pure lui in seguito ottiene la promozione in II^ categoria, a causa delle carenze di organici nelle serie superiori.

 

BRUNO GASPERUTTI

Letto 129 volte Ultima modifica il Sabato, 27 Febbraio 2021 16:40

1 commento

  • Link al commento XMC.PL Venerdì, 09 Aprile 2021 01:47 inviato da XMC.PL

    Dude, please tell me that youre heading to write a lot more. I notice you havent written an additional weblog for a while (Im just catching up myself). Your blog is just too important to become missed. Youve received so very much to say, this kind of knowledge about this topic it would be a shame to see this weblog disappear. The internet needs you, man!

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli