Venerdì, 25 Maggio 2018 23:44

Gianluca Dapiran, il "no" alla Pallamano Trieste per volare in Spagna

Scritto da 
Vota questo articolo
(5 Voti)
Un collage di foto di Gianluca Dapiran, quando vestiva la maglia di Trieste e con la casacca bianca di Bolzano nell'ultima stagione Un collage di foto di Gianluca Dapiran, quando vestiva la maglia di Trieste e con la casacca bianca di Bolzano nell'ultima stagione

Basta con il freddo dell’Alto Adige. Si torna al mare. Non più nella sua natìa Trieste ma bensì in Spagna,

 

nella Costa Blanca e più precisamente a Benidorm, la New York del Mediterraneo, così denominata per via dei suoi tanti grattacieli, anche se può contare solo su 69000 abitanti. Un bel posticino turistico tra Valencia ed Alicante. E così che Gianluca Dapiran, ex Pallamano Trieste e negli scorsi due campionati al Bolzano, inizia una nuova avventura, per la prima volta all’estero. “E’ una sfida personale -racconta il giocatore-, non è una questione economica. Le cifre dell’ingaggio non vanno troppo lontane da quelle di Bolzano dove in due anni ho vinto uno scudetto e una Supercoppa italiana. Ma nel Belpaese, militando in una squadra di vertice, le partite serie sono pochissime, le altre sembrano delle amichevoli considerando la limitata forza delle avversarie meno attrezzate. Nel campionato spagnolo invece sono sempre battaglie. Il livello è altissimo e le trasferte sono davvero lunghe. Sono sicuro che per me sarà un’esperienza bellissima”.

Gianluca Dapiran, raggiunto telefonicamente su un pulmino mentre assieme ai suoi compagni bolzanini sta per arrivare a Colonia, sede delle final four della Champions League dove assisterà agli scontri fra tre squadre francesi e una macedone poche ore più tardi, racconta anche po’ sulla Pallamano Trieste: “La società del presidente Lo Duca mi ha proposto di tornare per la prossima stagione ma ho dovuto declinare. Il mio era stato ad ogni modo un arrivederci e non un addio. Spero un giorno di poter tornare a vestire il biancorosso. Con la pesante perdita di Crespo, passato al Bressanone, serve assolutamente un buon mancino. Ho sentito che potrebbe tornare Radojkovic e sarebbe un ottimo acquisto. La squadra potrà fare bene se confermerà quasi tutta la rosa. Il vivaio è molto buono, quello che insomma manca è un importante budget iniziale per far partire la stagione. Avendolo a disposizione probabilmente ci sarebbe qualche ritorno eccellente a livello di giocatori. La pallamano per farla a buoni livelli ha bisogno di investimenti. Sono comunque speranzoso che nel prossimo campionato, quello del girone unico, la squadra possa classificarsi tra le prime dieci raggiungendo così una salvezza tranquilla”.

Letto 251 volte Ultima modifica il Sabato, 26 Maggio 2018 15:17

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna