Martedì, 23 Aprile 2019 13:29

Trieste si fa onore nel calcio nazionale: Petagna, Calò e...

Scritto da 
Vota questo articolo
(6 Voti)
Giacomo Calò con la maglia della Juve Stabia. Foto tratta dal sua pagina Facebook Giacomo Calò con la maglia della Juve Stabia. Foto tratta dal sua pagina Facebook

Finale di stagione nei campionati calcistici con Trieste che guarda con simpatia i suoi “figli” emigrati a cercar fortuna in giro per l’Italia.

 

Dalla serie A alla serie C, un po’ dappertutto troviamo dei legami con il capoluogo regionale, chi nato all’ombra di San Giusto e chi ci è solo passato ma che ha lasciato qualche ricordo. Fra i triestini “doc” grande festa nei giorni scorsi in casa Juventus per l’ottavo scudetto consecutivo, lì c’è Maurizio Lombardo, segretario generale del club. Restando a Torino è arrivato pure il titolo in ambito femminile con la “mula” Sara Gama, di padre congolese e madre triestina, partita con la maglia dello Zaule fino a raggiungere traguardi importanti, capitana delle bianconeri con le quali ha conquistato il secondo scudetto consecutivo, in precedenza ne aveva inanellato uno a Brescia. Tornando ai maschi, restando nella serie maggiore, è esploso in fatto di gol realizzati Andrea Petagna, autore sin qui di 14 centri, che sta trascinando la Spal alla salvezza dopo aver fatto molto bene nell’Atalanta ed essere transitato per Milan e Sampdoria; Andrea è osservato speciale tra le altri anche dagli inglesi del Leicester. Restando in Emilia, ad un centinaio di chilometri di distanza, a Parma ben si sta comportando Matteo Scozzarella, ex sangiovannino.

Per trovare traccia di un altro triestino bisogna scendere il serie C, oltre a quelli che giocano con l’Unione, c’è il neanche ventenne Tommaso Pobega, cresciuto nelle giovanili del Milan e ora alla Ternana in una squadra che era partita come la favorita del girone ed invece ha toppato clamorosamente sperando ora in una vittoria del Monza nella Coppa Italia per arrivare ai play-off per il rotto della cuffia. Chi invece si è fatto rispettare, nel girone C, è Giacomo Calò, titolarissimo della Juve Stabia con cui ha appena vinto il campionato; Giacomo, l’uomo dai gol impossibili, così etichettato per aver segnato in questa stagione delle reti direttamente da calcio d’angolo o su calci piazzati dai 30/35 metri; Giacomo è figlio di quel Ruggero, noto da queste parti per essere stato l’allenatore anche della Prima squadra del San Luigi e nelle giovanili della Triestina.

Terminata la lista dei triestini merita fare una panoramica sugli ex alabardati. In serie A mister Rolando Maran ha praticamente blindato la salvezza a Cagliari. Anche in serie B spazio agli allenatori con Piero Braglia al Cosenza, Andrea Mandorlini alla Cremonese e Leonardo Menichini appena sbarcato alla Salernitana.  In fila indiana occupano i posti dall’undicesimo al tredicesimo.

In terza serie, nel girone A Filippo Porcari (la moglie è triestina) che con il Piacenza si trova in testa con due lunghezze di vantaggio sull'Entella. Nel girone B ci sono il marocchino Rachid Arma (6 reti personali di cui una all’Alabarda al Rocco) e Andrea Mantovani nel Vicenza.

Mister Attilio Tesser è ad un passo dalla serie B con il suo Pordenone (il suo vice è Mark Strukelj). Nanu Galderisi alla guida del Gubbio ha costretto l’Unione ad un doppio 2-2. Ettore Marchi milita nel Monza di Berlusconi e Galliani che cercherà di salire in serie B tramite il play-off.

E poi c’è quel Daniele Rocco, nella Giana Erminio, monfalconese di nascita, che con un’incredibile rovesciata aveva salvato l’Alabarda a Dro nello spareggio per non scendere in Eccellenza. Se la Triestina è insomma ora così in alto molto merito va dunque dato a lui.

Infine nel girone C ci sono due ex bomber, Davis Curiale è nel Catania terzo della classe, indimenticato è invece Carlos Franca che aveva contribuito a suon di reti (23) a far tornare l’Unione in serie C. Franca, trentanovenne, gioca nel Potenza con il quale in due stagioni ha messo a segno ben 28 gol.

Letto 456 volte Ultima modifica il Mercoledì, 24 Aprile 2019 21:37

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli