Venerdì, 01 Marzo 2019 22:43

Coppa Italia a Chiarbola, subito fuori la Pallamano Trieste: arbitraggio discutibile

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)
Lekovic contro il Cassano Magnago, dietro a lui l'arbitro "incriminato" Lekovic contro il Cassano Magnago, dietro a lui l'arbitro "incriminato"

Pallamano Trieste subito fuori dalla Coppa Italia. Nella final eight,

organizzata proprio a Chiarbola con in scena il meglio della pallamano italiana, l’Alabarda esce già ai quarti di finale contro il Cassano Magnago che aveva chiuso il girone d’andata al secondo posto. Un’eliminazione però con qualche rammarico. Triestini e lombardi non fanno vedere grandi cose, anzi. I ragazzi di Pucelj vanno subito avanti sul 4-2 e sul 5-3. Poi parziale di 4-0 del Cassano che si porta in vantaggio sul 7-5. Lekovic insacca il 7-7. Un rigore sbagliato per parte e gol volante di Visintin dall’angolo per il 9-8 triestino. Squadre all’intervallo con l’Alabarda avanti di una rete (10-9).

Trieste apre la ripresa con la rete di Lekovic. Poi è 11-11 e 13-11 per i giuliani. A questo punto arriva l’episodio che probabilmente cambia tutto. L’Alabarda ha la palla in mano per cercare di portarsi a +3 ma fa difficoltà nel possesso palla in attacco anche perché gli avversari  pressano molto e con una difesa 5-1 tengono l’uomo alto a marcare fisso Radojovic. Incredibile errore di Sandrin nel passaggio e il Cassano vola da solo ad accorciare le distanze. Al 15’ Moretti manda un rigore sul palo. La dea bendata sembra essere dalla parte di Trieste che però per oltre 10’ non riesce a trovare il gol. I lombardi ne approfittano per mettere la freccia aiutati dalla lentezza triestina e anche da una coppia arbitrale in una serata tutt’altro che positiva. Ben 12’ in inferiorità numerica per Trieste, solo 2 per Cassano Magnago e poi alcune decisioni che mandano su tutte le furie squadra e dirigenza dell’Alabarda con vivaci proteste che continuano ancora a gara abbondantemente finita. Ad ogni modo al 26’30” Dovgan firma il 16-15, quindi c’è ancora speranza di recuperare ma nel finale in casa biancorossa non si segna più. Finisce 20-15, un risultato però troppo pesante per quanto visto sul parquet.

Così gli altri quarti di finale

Pressano-Fondi 30-22 (12-10)
Conversano-Fasano 24-21 (11-13)
Bolzano-Bressanone 27-19 (17-9)

Le semifinali.

Bolzano-Conversano (sabato ore 17)
Cassano Magnago-Pressano (sabato ore 19)

Il tabellino.


CASSANO MAGNAGO   20
PALLAMANO TRIESTE  15

CASSANO MAGNAGO: Bassanese 1, Bortoli 4, Cenci, Decio, Dorio, Fantinato 2, Gallazzi, Ilic 1, La Mendola 1, Luoni, Milanovic 1, Monciardini, Moretti 6, Possamai, Saitta 3, Scisci 1. All. Kolec.
ALABARDA PALLAMANO TRIESTE: Modrusan, Milovanovic, Carpanese, Di Nardo, Dovgan 3, Hrovatin, Ivic 1, Lekovic 3, Muran, Pernic 3, Radojkovic 4, Sandrin, Tocchetto, Visintin 1. All. Pucelj.

Letto 65 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna