Sabato, 30 Marzo 2019 21:12

La Pallamano Trieste strappa un punto al Fondi: Sodomaco impatta allo scadere

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)
L'abbraccio a fine gara di Lekovic a Sodomaco che ha segnato il gol del pareggio a 2" dalla fine L'abbraccio a fine gara di Lekovic a Sodomaco che ha segnato il gol del pareggio a 2" dalla fine

Zero a zero e ventidue a ventidue. Sono questi gli unici punteggi in cui Trieste non è stata sotto nel risultato contro Fondi durante tutta la contesa.

 

Il 22-22 è arrivato a 5” dalla fine in maniera quasi insperata. In questo finale di stagione, a salvezza raggiunta, c’è da difendere il buon sesto posto attualmente occupato. “Buon” per tutte le difficoltà avute a partire dall’estate scorsa quando sembrava anche difficile l’iscrizione al torneo. L’Alabarda si presenta a questa gara con la pesante assenza di Pernic. Sono degli ospioti i primi due gol della contesa. Dal 2-6 si passa al 6-9, poi al 10-11, all’11-14 e al 12-14 con cui si va al riposo.

Come già nel primo tempo, anche nella seconda frazione il Fondi parte con due reti: 12-16. Trieste reagisce a si riporta sotto: 15-16. Ma gli ospiti si tengono sempre sopèra nel punteggio arrivando al massimo vantaggio sul 17-21. Due invenzioni di Hrovatin regalano il 19-21. Il Fondi replica con un rigore a bersaglio: 19-22. Lekovic, anche lui su rigore, accorcia per il 20-22. Trieste ci crede. Incursione verticale di Sandrin che trova il pertugio giusto: 21-22. Al 28’15” Modrusan para ma 30” dopo tocca al bravo portiere avversario Crosara restituire la cortesia. Ultimo minuto di gioco, il Fondi tiene palla e chiama time-out. Con 30” da giocare i triestini provano la carta disperata del pressing a uomo a tutto campo. Riconquistano palla a 10” dalla fine, la stessa arriva sulla destra a Sodomaco che ad un soffio dalla sirena riesce a piazzare il colpo vincente: è il 22-22 fra la disperazione ospite e fra la gioia di società e pubblico di Chiarbola. Un pareggio raggiunto con l’orgoglio. 

Anche all’andata Trieste aveva fatto 22 gol, ma all’epoca ne aveva incassati 26. Stavolta è stata dunque più brava in difesa ed è arrivato un punto.
Quattro vittorie, nove sconfitte e un pareggio sin qui nel girone di ritorno per l’Alabarda. Ora il campionato si ferma per due settimane, riprenderà il 20 di aprile quando la compagine giuliana andrà a far visita al Siena, all’andata Trieste vinse per 28-23.

La classifica: Bolzano 42; Pressano 36; Conversano 34; Cassano Magnago 30; Fasano 29; Trieste 22; Siena, Fondi 19; Bressanone 18; Gaeta 16; Merano, Cologne 15; Cingoli 12; Bologna 11.
Conversano, Siena, Cologne, Bologna una partita in meno.

Il tabellino

TRIESTE    22
FONDI       22


ALABARDA PALLAMANO TRIESTE: Modrusan, Milovanovic, Doronzo, Radojkovic 4, Lekovic 4, Hrovatin 2, Tocchetto, Muran, Di Nardo 2, Allia, Visintin 2, Grosu, Sandrin 4, Sodomaco 4, Parisato. All. Carpanese.
BANCA POPOLARE DI FONDI: Crosara, Nardin 2, Pinto, Alves, Iballi 1, Dall’Aglio 3, Soliani, Tenore, Morreale, Travar 11, Rosso 2. All. De Santis.

Letto 45 volte Ultima modifica il Domenica, 31 Marzo 2019 14:51
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna