Mercoledì, 27 Giugno 2018 12:57

Pallamano Trieste, Lo Duca: "La speranza è l'ultima a morire"

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)
Il ringraziamento dei tifosi, durante l'ultima partita di campionato, per aver conquistato il Girone Unico Il ringraziamento dei tifosi, durante l'ultima partita di campionato, per aver conquistato il Girone Unico

La federazione ha stabilito una proroga di una settimana da lunedì 25 giugno a lunedì 2 luglio per potersi iscrivere alla prossima stagione

e perciò la Pallamano Trieste può continuare la corsa contro il tempo per poter godere della promozione conquistata sul campo e partecipare alla prossima serie A di Elite. Una corsa contro il tempo che peraltro avviene ogni anno in questo periodo per una società costretta sempre ad arrivare con l'acqua alla gola per avere la certezza di poter contare sui fondi necessari per la annata, anche se la pallamano non è una disciplina costosa come sono calcio e basket. Incoraggiamenti e qualche aiuto da piccoli imprenditori sono arrivati ad un sodalizio, in attività dal 1970 e che resta il pù scudettato di Italia per quanto la prima squadra sia a secco da tempo a livello di tricolori. Sono 17 le coccarde seniores, mentre quelle giovanili sono state aggiornate anche in tempi recenti.

“Lo slittamento di una settimana è sicuramente di aiuto, ma la soluzione al problema non è affatto facile. Ci vogliono centomila euro per far partire la macchina legata alla massima serie – indica il presidente Giuseppe Lo Duca -. Poi ci sarà da allestire la squadra e la presenza di due stranieri comporterà l'allestimento di una rosa più competitiva (quella biancorossa degli ultimi mesi è tra l'altro già erosa da qualche partenza, ndr). Ci sono da mettere in conto anche i costi delle trasferte, che saranno più lunghe e pure al Sud con la riforma dei campionati. La speranza è l'ultima a morire, speriamo bene...”. E se dovesse andar male? “Ci iscriveremo alla serie B, facendo anche la domanda di ripescaggio in A2 e in questo caso ci affideremmo ancora di più ai nostri giovani”.

Così invece il direttore sportivo e allenatore Giorgio Oveglia: “Domenica sera ho avuto subito un riscontro positivo dalla federazione per avere un rinvio per la iscrizione e adesso sto continuando ad avere contatti per cercare soluzioni, ma la situazione è fluida. C'è chi sta dando tutto quello che può. Una giovanissima ragazza e i suoi amici ci hanno offerto 150 euro tramite un messaggio su facebook a un collaboratore della Pallamano Trieste, mentre una società sportiva – per quanto in difficoltà pure lei – 200 euro e un nostro sponsor vuole solo la A1. Farò l'impossibile...”.

Letto 169 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna