Sabato, 15 Febbraio 2020 21:47

Pallamano Trieste, netta vittoria contro Fondi e la classifica sorride

Scritto da 
Vota questo articolo
(3 Voti)
Gli ultras in "soccorso" della Pallamano Trieste Gli ultras in "soccorso" della Pallamano Trieste

E’ finita con il “Viva là e po bon” e con la “Marinaresca” intonati dagli ultras della Curva Nord e della Curva Furlan,

ancora una volta a sostenere la Pallamano Trieste. E tra i volti noti non ha voluto mancare neanche Mauro Milanese. Contro Fondi bisognava vincere e anche magari di almeno tre reti ribaltando la differenza gol negli scontri diretti. Alla fine è missione compiuta, alla sirena il tabellone segna 29-23 anche se dopo i primi minuti in tutta Chiarbola c’era un po’ di timore vista la partenza lanciata ospite sul 2-0 e con a favore il rigore del +3, per fortuna giuliana fallito. Una sfida che poteva valere mezzo campionato, soprattutto in caso di sconfitta. Ed invece i ragazzi di Carpanese, dopo aver messo paura al Conversano e aver fatto harakiri a Cologne sette giorni prima pareggiando una gara stravinta a 4’ dalla fine, stavolta resistono fino in fondo e portano a casa un importante successo. E d’improvviso la classifica sorride.

Così le ultime posizioni ricordando che retrocerdono le ultime due: Fasano 13; Fondi 11; Trieste, Sparer Eppan, Gaeta 10; Cologne 5.

Partenza in salita per Trieste con Fondi che va sul 2-0 e sbaglia il rigore del +3. Popovic e Mustapic riportano l’Alabarda in parità. Primo vantaggio triestino sul 4-3 con Hrovatin al 12’55”. I laziali rimangono aggrapati al risultato sino al 5-5. Poi Pernic, Hrovatin, Mustapic in contropiede e ancora Mustapic danno il 9-5. Radojkovic, Hrovatin, Fidel e Visintin per il +6: 14-8. Per gli ospiti segna Marino e squadre all’intervallo sul 14-9.

L’inizio della ripresa è equilibrato, nel senso che le distanze tra le due compagini rimangono sui cinque/sei gol. Poi Pernic e Popovic regalano il 20-12 per i locali. L’allungo decisivo arriva con i gol di Visintin, Hrovatin e Radojkovic (rigore): 23-13 al 13’54”. Le cose dunque si mettono bene. Rosso e Zanghirati riportano a 8’ Fondi ma due reti “impossibili” in sequenza di Fidel ridanno un buon margine all’Alabarda. I laziali tentano il tutto per tutto nel finale arrivando a 6 lunghezze (26-20) a sette minuti e mezzo dal termine. Ci pensa Popovic a rompere il ghiaccio al 24’10”. Ultimo brivido al 26’55” sul 28-22 quando Lazic può accorciare con un rigore ma Modrusan ribatte l’ennesimo tiro di un per lui ottimo pomeriggio. Finisce dunque 29-23 e dagli altri campi arrivano solo belle notizie.

Ora il campionato si ferma per la Coppa Italia, venerdi prossimo (ore 20.30) la Pallamano Trieste affronterà Siena nei quarti finale. Sabato l’eventuale semifinale e domenica anche qui l’eventuale finale.


Il tabellino.

TRIESTE     29
FONDI        23

(primo tempo 14-9)
PALLAMANO TRIESTE ALABARDA: Modrusan, Zoppetti, Doronzo, Radojkovic 2, Hrovatin 7, Mustapic 4, Mazzarol, Pernic 2, Popovic 6, Di Nardo, Valdemarin, Visintin 3, Fidel 5, Bosco, Grosu, Sandrin. All. Carpanese.
BANCA POPOLARE FONDI: Soliani, Antogiovanni, Macera, Pinto, Marino 1, Sciorsi 4, Miceli, Arena 1, Zanghirati 4, Pola 3, D’Ettorre, Mangiocca, Lazic 4, Rosso 3, Oliveira 3. All. De Santis.
Arbitri: Pellegrino, Carrino.

Letto 155 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli