Skip to main content

Triestina Victory, Loschiavo: "Obiettivo promozione"

24 Agosto 2019
di vicedirettore

La seconda giornata della festa dell'orgoglio alabardato è stata quella dedicata alla presentazione delle formazioni giovanili della Triestina Calcio e della Triestina Victory nonché della prima squadra di quest'ultima società. Sul palco, coordinato dalla “voce dell'Unione” Guido Roberti, sono saliti giocatori, allenatori e dirigenti delle compagini in questione. Così l'amministratore unico Mauro Milanese: “Un grazie agli allenatori e ai ragazzi, siamo contenti che la Triestina sia sempre più seguita. Gli allenamenti? La prima squadra è sempre stata fuori città nella passata stagione e cioè a Monfalcone. Ora qualche allenamento mattutino lo stiamo facendo al Grezar...Abbiamo depositato in giugno un progetto da 3 milioni e 800 mila euro per il campo di Ponziana, averlo significherebbe avere casa in mezzo alla città e un fulcro per i rioni di San Giacomo, Servola, Chiarbola e Ponziana”.

E sua sorella Romina – presidente della Triestina Victory – aggiunge: “Abbiamo tutte le età dai 5 anni fino ai “grandi”. Come Triestina ci teniamo a più cose e tra queste l'educazione è molto importante come lo è l'impegnarsi per la maglia. Sette allievi regionali della scorsa stagione sono saliti nella Berretti nazionale, questo vuol dire aver lavorato bene e con entusiasmo. Spero di avere sempre più ragazzi che si avvicinano a noi”.

Al solito in piena Mauro Loschiavo, responsabile del settore giovanile della Triestina Victory ma anche dirigente a 360 grandi della costola rossoalabardata. “Ci tengo a ringraziare molto la società per avermi confermato per il quarto anno di fila. Mi fa piacere aver messo su tre squadre nell'Isontino, vicino a Turriaco. Così le borse da calcio non andranno solo per il Cjarlins Muzane e il Donatello, ma le vedremo venire anche verso Trieste. Quanto al team senior della Triestina Victory, siamo arrivati in Seconda Categoria all'ultimo grazie a Godeas e abbiamo rafforzato la rosa con elementi in gambra, tra cui Sessi, Benvenuto e Steiner. Non ci nascondiamo, vogliamo andare su”.

Proprio il citato puntero Andrea Steiner ha pure lo stesso desiderio...“Il gruppo è molto interessante, ci sono giovani importanti. Vediamo allora di fare lo stesso risultato dello scorso anno (alias campionato) e cioè vincere”.

Ospite d'eccezione al fianco di Denis Godeas (destinato ad andare in prestito fino a dicembre al Trieste Calcio per poi tornare alla Triestina Victory) c'era el Diablo Pablo Granoche: “Dodici anni fa Denis mi ha rubato il titolo di capo-cannoniere....e ora spero che la Triestina possa “ricavare nuovi diabli” ma soprattutto ragazzi che amino il calcio. Auguri a tutti per una buona annata”.