Skip to main content

pallanuoto trieste

Coppa Italia femminile, Pallanuoto Trieste sconfitta nella finale per il terzo posto

La giornata delle finali al centro acquatico di Ostia ha visto la Sis Roma vincere la sua terza Coppa Italia (per squadre della serie A1 femminile) dopo quelle del 2019 e del 2022, mentre le Orchette triestine hanno dovuto lasciare il terzo posto al Catania.

PRIMO POSTO

SIS ROMA-CS PLEBISCITO PADOVA 6-5

SIS ROMA: Banchelli, Misiti, Galardi, Gual Rovirosa 1, Ranalli 2 (2 rig.), Papi, Picozzi, Di Claudio, Nardini, Centanni 3, Cocchiere, Carosi, Sesena, Aprea. All. Capanna.

CS PLEBISCITO PADOVA: Teani, Bacelle 1, Cassarà, Schapp 3 (1 rig.), Queirolo, Casson, Millo 1, Yaacobi, Al Masri, Meggiato, Sgrò, Grigolon, Pozzani, Bozzolan. All. Posterivo.

Arbitri: Ferrari e Guarracino.

Note: parziali 1-2, 2-0, 1-2, 2-1. Meggiato e Yaacobi (P) uscite per limite di falli nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Roma 4/12 + 2 rigori, Padova 2/8 + 2 rigori di cui uno parato da Bancelli a Millo nel primo tempo. Spettatori 400 circa.

 

Cronaca. Schapp buca subito in controfuga grazie all'assist di Queirolo (0-1). Cocchiere e Di Claudio falliscono due superiorità, poi Picozzi esce per fallo grave e Millo supera Banchelli sul lato lungo al terzo extraplayer (0-2). Casson commette fallo grave al centro e Ranalli è implacabile sul tiro a schizzo dai cinque metri (2-1). Partita che torna in equilibrio. Padova riprende a correre, Millo prende fallo da cinque metri da Nardini, ma Banchelli devia sul palo il tiro della numero sette biancorossa. Roma guadagna il terzo extraplayer e stavolta Centanni buca Teani pareggiando con una bella conclusione da fuori (2-2). E' il miglior momento delle giallorosse che trovano in difesa un'insuperabile Banchelli e in attacco il quarto uomo in più, che stavolta Gual Rovirosa trasforma con l'aiuto del palo e della testa del portiere per il primo vantaggio (3-2) a metà gara. Controfallo in attacco e Bacelle è brava e scaltra a rifinire la controfuga che porta al pareggio Padova dopo 30 secondi (3-3). Roma si inceppa davanti mentre Padova scappa sempre veloce con Millo che serve al centro Schapp per il 3-4. Reazione immediata della SIS che trasforms la sesta superiorità col bis in diagonale di Centanni per il 4-4. Poi le giallorosse sprecano un paio di extraplayer e il punteggio resta inchiodato. Sale la tensione. Due superiorità fallite, una a testa, poi al decimo tentativo passa Centanni che sfodera il tris sempre dalla sua posizione in uno (5-4). Finale palpitante con Banchelli che stoppa Schapp in doppia inferiorità numerica; Picozzi conquista in entrata un rigore sugli interventi di Casson e Teani e Ranalli trasforma con freddezza sotto le mani del portiere avversario (6-4). Massimo vantaggio e coppa in mano. Padova sciupa con Casson l'ottava superiorità, il tempo è poco e il rigore di Schapp a dodici secondi dalla fine non basta.

TERZO POSTO

L'EKIPE ORIZZONTE-PN TRIESTE 12-8

L'EKIPE ORIZZONTE: Celona, Lombardo, Tabani, Viacava 2, Gant 1, Bettini, Palmieri, Marletta 3 (2 rig.), Gagliardi 1, Borisova 3, Longo 1, Leone 1, Condorelli, Greco. All. Miceli

PN TRIESTE: Sparano, Citino 1, De March, Cordovani, Marussi, Cergol 2, Klatowski 1, Colletta 1, Gragnolati 1 (rig.), Vukovic, Riccioli 2, G. Zizza, Ingannamorte, Zoch. All. Zizza

Arbitri: Rizzo e Romolini

Note: parziali 4-2, 1-2, 2-2, 5-2. Superiorità numeriche: Catania 4/13 + 2 rigori, Trieste 5/11 + un rigore. Marletta (C) uscita per limite di falli nel terzo tempo. Klatowski (T), Longo e Gant (C) uscite per limite di falli nel quarto tempo. Espulso Zizza (all. T) per proteste a fine terzo tempo.  Spettatori 150 circa.

 

Cronaca. Partita veloce con Marletta che trasforma due rigori, mentre Trieste risponde con Cergol, in controfuga. Viacava allunga in superiorità, ma Citino sfonda dal centro sempre con l'uomo in più (3-2). Sul gong ancora in extraplayer passa Borisova grazie alla deviazione decisiva della difesa (4-2).

Nel secondo tempo Marletta colpisce in controfuga, mentre dall'altra parte Riccioli col mancino buca Condorelli in doppia superiorità (5-3). Trieste fallisce un paio di chances in più, poi passa con Colletta ancora in extraplayer per il -1 a metà gara (5-4).

Trieste ricomincia meglio e sulla scia dell'entusiasmo pareggia con Klatowski dall'angolo dopo un minuto del terzo tempo (5-5). Catania si affida a soluzioni personali e trova il bis di Borisova, fuori dalle plance con una palomba d'autore (6-5). L'Ekipe spinge ancora con Gant che segna per l aterza volta in superiorità, ma Gragnolati trasforma il primo cinque metri per il nuovo -1. Marletta esce per tre falli ma, Catania reagisce con Viacava in più e Leone di palomba (9-6). Cergol e Riccioli col mancino accorciano in extraplayer ma Longo in controfuga, Gagliardi dal centro e Borisova (tris) chiudono il parziale e match.

Coppa Italia, doppia sconfitta per la Pallanuoto Trieste

PALLANUOTO MASCHILE

FINALI A OTTO DELLA COPPA ITALIA PER SQUADRE DELLA SERIE A1

 

AN BRESCIA - PALLANUOTO TRIESTE 9-6

(2-2; 3-0; 2-2; 2-2)

AN BRESCIA: Tesanovic, Del Basso 1, Dolce 2, Balzarini 2, Lazic, Gianazza, Renzuto Iodice, Guerrato

1, Alesiani 1, Manzi 1, Irving 1, Gitto, Massenza Milani. All.; Bovo

PALLANUOTO TRIESTE: Oliva, Podgornik 1, Petronio, Buljubasic 2, Vrlic 1, Valentino 1, Dasic,

Mezzarobba 1, Razzi, Marziali, Bini, Mladossich, Caruso, Liprandi. All. Bettini

Arbitri: Calabrò e Carmignani.

NOTE: usciti per limite di falli Irving (B) e Guerrato (B) nel quarto periodo; superiorità numeriche An

Brescia 3/7, Pallanuoto Trieste 4/12.

Così l’allenatore dei triestini Daniele Bettini: “Abbiamo lottato e fatto una buona partita nel complesso;

abbiamo condotto il gioco per ampi tratti del match, sprecando però delle occasioni per rientrare in partita nel finale”.

Semifinali 5/8 posto

CN POSILLIPO-CHECK-UP RN SALERNO 13-10
CN POSILLIPO: Izzo, Somma, Angelone 1, Rocchino, Mattiello 3, Aiello 1, Tubic 1, Cuccovillo 2 (1 rig.), Briganti 1, Radojevic 2 (1 rig.), Picca 1, Saccoia, Spinelli, Serino 1. All. Porzio.
CHECK-UP RN SALERNO: De Pascale, Luongo 1, Fortunato 1, Sanges, Parrilli, Gallozzi 3, Vrbnjak, Gallo, D. Presciutti, Bertoli 1, Goreta 4, Pica, Vassallo, Barela. All. C. Presciutti.
Arbitri: Ricciotti e Grillo.
Note: parziali 4-3, 4-3, 3-1, 2-3. Usciti per limite di falli Vrbnjak (S), Mattiello (P) e Bertoli (S) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: CN Posillipo 6/12 + 2 rigori e RN Salerno 8/18.

PN TRIESTE-IREN GENOVA QUINTO 10-12
PN TRIESTE: Oliva, Podgornik, Petronio 2, Buljubasic, Vrlic 1, Valentino, Dasic 2, Mezzarobba, Razzi 1, Marziali, Bini, Mladossich 4 (3 rig.), Caruso, Liprandi. All. Bettini.
IREN GENOVA QUINTO: Massaro, N. Gambacciani, Di Somma, Villa, Molina Rios 2, Ravina 2 (1 rig.), Fracas, Nora 1, Figari 3, Panerai 2, Veklyuk, J. Gambacciani 2, Spoli, Massa. All. Bittarello.
Arbitri: Petronilli e Nicolosi.
Note: parziali 1-1, 4-4, 1-2, 4-5. Espulso Mezzarobba (T) per gioco scorretto nel terzo tempo. Usciti per limite di falli N. Gambacciani (Q) nel terzo tempo, Buljubasic (T) e Molina Rios (Q) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Pallanuoto Trieste 1/9 + 5 rigori e Iren Genova Quinto 8/14 + 2 rigori. Massaro (Q) para un rigore a Dasic dopo 5'32" e a Petronio dopo 7'21" del primo tempo. Caruso (T) para un rigore a Nora dopo 2'12" del quarto tempo.

Euro Cup femminile, finale amara per la Pallanuoto Trieste. I maschi chiudono settimi in Coppa Italia

Le lacrime, come sempre in questi casi, hanno travolto chi ha perso. E stavolta è toccato alla Pallanuoto Trieste a conclusione della finalissima dell’Eurocup di pallanuoto femminile, la manifestazione disputatasi alla Bianchi di Trieste. Le “Orchette”, infatti, si sono arrese per 8-10 alla Plebiscito Padova. Primo quarto equilibrato con le venete partite meglio (0-2 in 2’ a punire le distrazioni difensive delle padrone di casa). La reazione triestina è stata positiva e così si è andati alla prima pausa sul 2 a 2. Secondo round pure combattuto con le patavine avanti due volte e giuliane a chiudere i secondi otto minuti sul 4 a 4. Il terzo “set” è quello decisivo con il Plebiscito ad allungare sull’8 a 5, mostrandosi più concreto e più lucido. Trieste è riuscita ad avvicinarsi fino all’8 a 7 e poi il Padova ha trovato i colpi decisivi con maggiore compattezza.

FINALE 7/8 POSTO DELLA COPPA ITALIA MASCHILE A GENOVA

CHECK-UP RN SALERNO-PN TRIESTE 12-13
CHECK-UP RN SALERNO: De Pascale, Luongo, Fortunato 1, Sanges, Parrilli, Gallozzi, Vrbnjak, Gallo 4, D. Presciutti, Bertoli 1, Goreta 6, Pica, Vassallo, Barela. All. C. Presciutti.
PN TRIESTE: Oliva, Podgornik 2, Petronio 1, Buljubasic 2, Vrlic 2, Valentino, Dasic 1, Mezzarobba, Razzi, Marziali 2, Bini 1, Mladossich 2, Caruso, Liprandi. All. Bettini.
Arbitri: Calabrò e Nicolos.
Note: parziali 3-4, 2-4, 4-3, 3-2. Uscito per limite di falli Vrlic (T) al 7' del quarto tempo. Superiorità numeriche: Salerno 8/11, Trieste 8/10 + un rigore tirato fuori da Mladossich a 2'10 del primo tempo, sullo 0-1.

Euro Cup femminile, la Pallanuoto Trieste vince in Francia e blinda il primo posto

Pallanuoto Trieste corsara nella piscina del Grand Nancy in modo perentorio nella quinta giornata della fase a gironi dell’Eurocup femminile di pallanuoto e comunque già qualificata alla final-four, ma ora con il primo posto del girone B al sicuro. Buona la prova delle orchette, che hanno sempre avuto la gestione del match contro un’avversaria che peraltro sta facendo bene nel campionato francese.

GRAND NANCY - PALLANUOTO TRIESTE 8-19 (2-5; 2-6; 2-3; 2-5)

GRAND NANCY: Counil, Nurthen, Melik, McDowall 1, Kinga 2, Fanara, Benlekbir 4, Pacheco Herce 1. All. Castelli

PALLANUOTO TRIESTE: Sparano, Citino 2, De March 1, Cordovani 5, Cergol 1, Klatowski 1, Colletta 2, Gragnolati 1, Vukovic 3, Riccioli 1, G. Zizza 2, Ingannamorte. All. P. Zizza

Arbitri: Prodan Feica (Romania) e Kunikova (Slovacchia)

Euro Cup femminile, pazzesco finale di gara della Pallanuoto Trieste contro le olandesi: è la finale

PALLANUOTO FEMMINILE

SEMIFINALI DI EUROCUP

PALLANUOTO TRIESTE - DE ZAAN 10-8

(1-2; 2-3; 2-3; 5-0)

PALLANUOTO TRIIESTE: Sparano, Citino, De March, Cordovani, Marussi, Cergol 1, Klatowski, Colletta 1, Gragnolati 5, Vukovic 2, Riccioli 1, G. Zizza, Ingannamorte. All.: Zizza

DE ZAAN: Van Leeuwen, L. Rogge 2, Den Ouden, Van Der Veen, Sam, Slot 1, Vleeshakker, Koopman 1, Happe, Drewes 2, Van Rijn 1, B. Rogge 1, Van Den Dobbelsteen. All.: Van Den Bree

Arbitri: Daskalopoulou (Grecia) e Cakmakoglu (Turchia).

NOTE: nessuna uscita per limite di falli; nel quarto periodo L. Rogge (Z) ha sbagliato un rigore (palo); superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 3/7+2 rigori, De Zaan 2/8+1 rigore.

A un certo punto, nel terzo quarto, il destino delle Orchette sembrava destinato nella prima delle due semifinali dell’Euro Cup, tanto che i circa 700 spettatori della piscina Bruno Bianchi si erano persi d’animo e avevano spento il volume dei loro cori. Il primo round era stato equilibrato, nel secondo e nel terzo la Pallanuoto Trieste ci aveva messo impegno e volontà, ma le giovani e talentuose olandesi – una compagine quadrata – non si scalfivano mai ed erano molto concrete e ciniche (a differenza delle giuliane nelle occasioni create) e alla fine della terza frazione conducevano 8-5. Il destinato, a quel punto, sembrava veramente segnato. Poi l’inerzia è girata ed è arrivata la clamorosa rimonta, sospinta da tifo di casa tornato ad essere caloroso. Le alabardate si sono affidate ai due elementi più esperti (Vukovic e Gragnolati, autrici rispettivamente di due e tre reti solamente nell’ultimo set da otto minuti) per sfruttare pure le superiorità numeriche. E una volta andate avanti sul 9 a 8, le padrone di casa hanno avuto anche un pizzico di fortuna (che non guasta mai), perché il De Zaan ha beneficiato di un rigore, che la sua giocatrice più talentuosa Rogge (la numero 2) ha spedito sul palo alla sua destra dopo aver spiazzato Sparano. A quel punto nell’aria aleggiava il profumo del successo delle locali, che si sono gasate ad ogni gol segnato durante il match. E alla fine la magia era svanita dai volti delle tulipane, restando su quelli delle vincitrici.

Nella “semi” successiva il Plebiscito Padova ha regolato invece il BVSC Zuglo di Bupadest per 15-10 (3-2, 4-1, 5-4, 3-3). Il primo atto del match è stato combattuto, poi le venete hanno avuto un passo più determinato e una fluidità migliore, trovando nella Schaap una finalizzatrice ispirata (otto reti). Chissà se il presidente del team giuliano Enrico Samer, rimato in tribuna anche per il secondo match e che aveva auspicato a suo tempo una finalissima tra la sua Trieste e le patavine, non ci faccia un pensierino a questa number four abile a segnare in tutti i modi…

Domenica 14/04, sempre alla Bianchi (con ingresso nuovamente gratuito), ci saranno le due finali….alle 15.30 il terzo posto e alle 17.30 l’atto decisivo.

Euro Cup, la Pallanuoto Trieste passa a Siracusa

EURO CUP PALLANUOTO

ORTIGIA SIRACUSA - PALLANUOTO TRIESTE 11-14

(3-4; 3-4; 5-4; 0-2)

ORTIGIA SIRACUSA: Tempesti, Cassia 3, Giribaldi, La Rosa 1, Di Luciano, Cupido 1, Bitadze,

Carnesecchi 1, A. Condemi, Inaba 2, Ferrero 3, Napolitano, Calabresi. All.: Piccardo

PALLANUOTO TRIESTE: Oliva, Podgornik, Petronio, Buljubasic 1, Vrlic 1, Valentino 4, Dasic 4,

Mezzarobba 2, Razzi 1, A. Fumo, Bini 1, Mladossich, Caruso. All.: Bettini

Arbitri: Gomez (Spagna) e Rakovic (Serbia).

NOTE: usciti per limite di falli Buljubasic (T) e Inaba (O) nel quarto periodo; nel secondo periodo Oliva

(T) ha parato un rigore a Inaba; superiorità numeriche Ortigia Siracusa 2/12+3 rigori, Pallanuoto Trieste

7/12+1 rigore.

Un successo per la gloria sì, ma anche per il morale e la fiducia (quello della quinta giornata colto nella giornata Nesima) per quanto la formazione giuliana era già tagliata fuori dalla corsa agli ottavi finali dell’Euro Cup maschile, visto che nel girone D il Primorac Kotor e il Panionios sono vicinissimi ad andare avanti. Il direttore sportivo triestino Andrea Brazzati indica: “E’ Un primo passo per ritrovare sicurezza nei nostri mezzi e giocare quella pallanuoto aggressiva che vuole il nostro tecnico”. Sabato 25 novembre ci sarà un nuovo appuntamento di campionato; alla “Bruno Bianchi” arriverà il Telimar Palermo (ore 15.30) con ingresso gratuito.

Euro Cup, Pallanuoto Trieste ko nel derby contro Siracusa

Il derby di Eurocup maschile è stato punto a punto e alla fine la Pallanuoto Trieste si è arresa all’Ortigia Siracusa degli ex Inaba (più di 100 gol in due stagioni con la calotta giuliana) e Piccardo. I padroni di casa sono stati a lungo avanti nel contesto di un match comunque combattuto, ma sembravano poter tenere il vantaggio. Poi i siciliani hanno recuperato e attuato il sorpasso proprio quando i loro avversari hanno perso Valentino per infortunio. Per Trieste è arrivata la seconda sconfitta europea e ora andranno in Grecia il 2 novembre per vedersela con il Panionios alle ore 17 del secondo giorno del prossimo mese.

La classifica del girone: Ortigia Siracusa 6 punti, Panionios e Primorac Kotor 3; Pallanuoto Trieste 0.

PALLANUOTO TRIESTE - ORTIGIA SIRACUSA 11-12 (3-2; 3-3; 4-5; 1-2)

PALLANUOTO TRIESTE: Oliva, Podgornik, Petronio 1, Buljubasic, Vrlic, Valentino 1, Dasic 2,

Mezzarobba 2, Razzi 1, Marziali, Bini 3, Mladossich 1, Caruso. All.: Bettini

ORTIGIA SIRACUSA: Tempesti, Cassia 2, Giribaldi, La Rosa, Di Luciano, Cupido 3, Bitadze 1,

Carnesecchi 3, A. Condemi, Inaba 1, Ferrero 2, Napolitano, Calabresi. All.: Piccardo

Arbitri: Stanojevic (Serbia) e Stampalija (Croazia).

NOTE: usciti per limite di falli Buljubasic (T), Condemi (O) e Cassia (O) nel quarto periodo; superiorità

numeriche Pallanuoto Trieste 4/11+2 rigori, Ortigia Siracusa 4/10+3 rigori.

Gara senza storia alla Bianchi, le orchette travolgono la Locatelli Genova

Gara senza storia alla Bianchi.
 
 
PALLANUOTO TRIESTE - LOCATELLI GENOVA 26-1

(9-0; 4-0; 6-0; 6-1)

PALLANUOTO TRIESTE: Sparano, Citino 2, De March 3, Cordovani 2, Marussi 2, Cergol 2, Klatowski 1, Colletta 1, Gragnolati 2, Vukovic 2, Riccioli 4, Guya Zizza 5, Ingannamorte, Zoch. All. Paolo Zizza

LOCATELLI GENOVA: Avenoso, Bianco, Canepa, Banchi, Ravenna 1, Sponza, Minuto, Nucifora, Rossi, Magaglio, Frisina, Polidori, Carbone, Padula. All.: Della Zuana

Arbitri: Romolini e Roberti Vittory.

NOTE: uscite per limite di falli Zoch (T) e Polidori (L) nel terzo periodo, Minuto (L) nel quarto periodo; superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 8/11+2 rigori, Locatelli Genova 0/5.

In uno dei tre anticipi infrasettimanali della serie A1 femminile la Pallanuoto Trieste si è dimostrata di una categoria superiore al volonteroso Locatelli Genova e ha confermato il netto passo avanti rispetto alla scorsa stagione anche a livello di sicurezza mentale. Le Orchette sono partite con il piede pigiato sull’acceleratore e nel primo quarto non c’è stata storia (9-0). Nel secondo periodo le liguri se la sono giocata un po’ di più, ma le padrone di casa sono rimaste superiori. Locali a controllare con determinazione e senza soffrire nel terzo “set”, per quando le genovesi siano riuscite a concludere un pelo di più e avendo le chances per segnare due gol (colpiti due pali - il primo il più clamoroso con un pallonetto a tu per tu col portiere – nonché un altro paio di tentativi). Nell’ultimo round le giuliane hanno dato la sensazione di giocare come il gatto con il topo. Le ospiti hanno continuato a fare il loro sulla scia dei precedenti 10’, trovando almeno la rete della bandiera a 3’20” dalla fine con Ravenna (e ancora un’altra marcatura ci sarebbe potuta scappare), però Trieste è rimasta un passo se non due avanti. Ora le “mule” della Pallanuoto Trieste ospiteranno il BVSC Budapest alla piscina Bruno Bianchi nell’ambito dell’eurocup. Appuntamento alle 18 di sabato 28/11 con ingresso gratuito e con anche la diretta streaming su Len European Acquatic e sulla pagina facebook del sodalizio alabardato. Meglio arrivare qualche minuto prima, visto che quest’ultima gara doveva cominciare alle 20 ed è iniziata alle 19.54….Peccato per la poca presenza sugli spalti, per quanto cresciuta leggermente nel corso del match.

La Pallanuoto Trieste inizia male i play-off, ko in casa contro Bologna

Inizia male la post-season per la Pallanuoto Trieste. In gara-1 di semifinale play-off quinto posto del campionato di serie A1 maschile, alla “Bruno Bianchi” la squadra sponsorizzata Samer & Co. Shipping è stata superata per 10-13 dalla De Akker Bologna. Adesso la serie si sposta in Emilia, gara-2 è in programma mercoledì 8 maggio allo Stadio del Nuoto con inizio alle ore 21.00. Gli alabardati saranno costretti a vincere per tenere vive le speranze di qualificazione all’Euro Cup. 

La cronaca. Trieste si porta sul doppio vantaggio con Dasic (1-0) e Mladossich (2-0). Gli ospiti ribaltano la situazione con Grossi (2-1), Puccio (2-2) e Luongo in superiorità (2-3). Marziali insacca dal palo con l’uomo in più (3-3), Alfonso Pozo risponde: 3-4 alla fine del primo periodo. In avvio di seconda frazione De Freitas sfugge alla difesa e firma il 3-5, Dasic accorcia in superiorità (4-5). Camilleri (4-6), Puccio con l’uomo in più e Cocchi ancora in superiorità portano i bolognesi sul +4 (4-8) che costringe Bettini a chiamare time-out. Trieste torna in scia con Valentino con l’uomo in più (5-8) e Mezzarobba su assist di Podgornik (6-8). Luongo buca il secondo palo (6-9), Mladossich scrive il 7-9, il solito Luongo colpisce in superiorità (7-10), a 2’’ dall’intervallo lungo capitan Petronio rimette i suoi sul -2 (8-10).

In avvio di terzo periodo c’è Caruso tra i pali. I ritmi sono più bassi, l’unico gol della frazione, ad opera di Buljubasic, porta i padroni di casa sul -1: 9-10 a 8’ dalla fine. L’ultima frazione però è favorevole alla De Akker. Camilleri insacca dalla distanza (9-11) e Petronio indovina uno spiraglio sul primo palo (10-11). Negli ultimi 3’ Camilleri in superiorità e Puccio da boa trovano le reti che chiudono in conti sul definitivo 10-13.

 

PALLANUOTO TRIESTE - DE AKKER BOLOGNA 10-13 (3-4; 5-6; 1-0; 1-3)
PALLANUOTO TRIESTE: Oliva, Podgornik, Petronio 2, Buljubasic 1, Vrlic, Valentino 1, Dasic 2, Mezzarobba 1, Razzi, Marziali 1, Bini, Mladossich 2, Caruso, Liprandi. All. Bettini
DE AKKER BOLOGNA: Santini, Marchetti, Puccio 3, Mengoli, De Freitas 1, Grossi 1, Camilleri 3, Milakovic, Alfonso Pozo 1, S. Luongo 3, Cocchi 1, De Simon, Pederielli, Takeuchi. All. Mistrangelo
Arbitri: Paoletti e Cavallini
NOTE: usciti per limite di falli Marchetti (B) nel terzo periodo, Podgornik (T) nel quarto periodo; superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 4/12, De Akker Bologna 5/10

La Pallanuoto Trieste perde l'imbattibilità, ko a Brescia

Turno infrasettimanale per la Pallanuoto Trieste che non sorride.

AN BRESCIA - PALLANUOTO TRIESTE 15-9

(4-2; 5-3; 3-2; 3-2)

AN BRESCIA: Tesanovic, Del Basso 3, Dolce 1, Balzarini 1, Lazic 1, Gianazza 3, Renzuto 2, Guerrato, Alesiani 2, Manzi 2, Irving, Gitto, Massenza Milani. All. Bovo

PALLANUOTO TRIESTE: Oliva, Podgornik, Petronio 3, Buljubasic, Vrlic, Valentino 2, Dasic 1, Mezzarobba 1, Razzi, Marziali, Bini, Mladossich 2, Caruso, A. Fumo. All. Bettini

Arbitri: Colombo e D. Bianco

NOTE: usciti per limite di falli Mezzarobba (T) e Razzi (T) nel terzo periodo, Mladossich (T), Podgornik (T), Del Basso (B) e Guerrato (B) nel quarto periodo; superiorità numeriche An Brescia 5/16+2 rigori, Pallanuoto Trieste 5/14+1 rigore.

La piscina di Mompiano resta imbattuta grazie alla pimpante prestazione dell'AN Brescia, che da anni cerca di contendere (vanamente) lo scudetto alla corazzata Pro Recco. Primo stop in campionato invece per la Pallanuoto Trieste (dopo cinque successi). Gara combattuta solo nel primo quarto e poi i lombardi sono sempre stati avanti, gestendo bene il gioco. “Scontro diretto perso nettamente - commenta il d.s. Andrea Brazzatti - ci facciamo condizionare troppo dai fischi arbitrali, urge cambiare atteggiamento in fretta”. Sabato 11 novembre Trieste tornerà a giocare davanti al pubblico amico della “Bruno Bianchi”, dove arriverà l’Ortigia Siracusa (ore 15.30) in un altra sfida piuttosto delicata in chiave classifica. Ingresso gratuito e senza prenotazioni, ci sarà anche la diretta streaming sulla piattaforma vimeo del club alabardato. 

La Pallanuoto Trieste saluta l'Euro Cup con una vittoria. E ora sotto con la Pro Recco

Va in archivio con una vittoria di prestigio il cammino europeo della Pallanuoto Trieste. Nella sesta giornata della fase a gironi dell’Euro Cup maschile, alla “Bruno Bianchi” la squadra sponsorizzata Samer & Co. Shipping ha battuto il Panionios per 9-8. I greci chiudono comunque primi il gruppo D e si qualificano agli ottavi di finale assieme all’Ortigia, gli alabardati salgono a quota 7 punti con qualche rimpianto per un passaggio del turno che non era così distante. 
Il Panionios trova il vantaggio con Grammatikos in superiorità (0-1 dopo 1’15’’). I padroni di casa ribaltano la situazione sul 3-1 con Valentino, Dasic e Vrlic in controfuga, Moskov su rigore tiene in scia i suoi (3-2). Trieste contiene le bocche da fuoco del Panionios grazie ad un’attenta applicazione difensiva. Mladossich deposita sotto l’incrocio il 4-2, i greci trovano il gol con Ukropina in superiorità (4-3), a 4’’ dal cambio di campo il solito Mladossich sbraccia un diagonale che vale il 5-3.
Gli alabardati continuano a gestire a piacimento il ritmo. Mladossich inventa un clamoroso dribbling per il 6-3, Oliva conserva il +3 e Buljubasic colpisce da lontano (7-3). Razzi scappa in controfuga e firma il massimo vantaggio sul +5 (8-3), Gkiuvetsis in superiorità interrompe il digiuno realizzativo degli ellenici. Si entra negli ultimi 8’ sul punteggio di 8-4. Nel quarto periodo il Panionios cerca la disperata rimonta. Moskov segna due volte con l’uomo in più per l’8-6 a 5’29’’ dalla fine, Marziali riporta i suoi sul +3, negli ultimi concitati minuti ci si mette anche il nervosismo. Moskov fa 9-7, Trieste difende strenuamente il vantaggio e concede il 9-8 (Gounas) a soli 12’’ dalla sirena.

Martedì 12 dicembre si chiude la prima fase del campionato di serie A1 maschile, sfida in trasferta alla corazzata Pro Recco (ore 15.00).

PALLANUOTO TRIESTE - PANIONIOS 9-8 (3-2; 2-1; 3-1; 1-4)
PALLANUOTO TRIESTE: Oliva, Podgornik, Petronio, Buljubasic 1, Vrlic 1, Valentino 1, Dasic 1, Mezzarobba, Razzi 1, Marziali 1, Bini, Mladossich 3, Caruso. All. Bettini
PANIONIOS: Galanidis, Kopeliadis, Bouazalas, Gkiuvetsis 2, Papakos, Grammatikos 1, Kalaitzsis, Moskov 3, Mourikis, Gounas 1, Ukropina 1, Kapetanakis, Limarakis. All. Dimou
Arbitri: Vogel (Ungheria) e Berishvili (Georgia)
Delegato: Bebic (Croazia)
NOTE: usciti per limite di falli Petronio (T), Kapetanakis (P) e Valentino (T) nel quarto periodo, espulso Vrlic (T) nel quarto periodo; nel primo periodo Mladossich (T) ha sbagliato un rigore (palo); superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 2/7+1 rigore, Panionios 7/16+1 rigore

Netta sconfitta della Pallanuoto Trieste a Savona

Altra sconfitta per la Pallanuoto Trieste.

RN SAVONA - PALLANUOTO TRIESTE 17-6

(6-3; 4-0; 2-2; 5-1)

RN SAVONA: Nicosia, Rocchi 1, Patchaliev, 2 Figlioli 1, Vavic 1, Rizzo 4, Urbinati, Bruni, Campopiano 2, Guidi 3, Durdic, Erdely 1, Da Rold, Bragantini 2. All. Angelini

PALLANUOTO TRIESTE: Oliva, Podgornik, Petronio 1, Buljubasic, Vrlic 1, Valentino 1, Dasic 1, Mezzarobba 1, A. Fumo, Marzlali, Bini 1, Mladossich, Caruso. All. Bettini

Arbitri: Colombo e Schiavo.

NOTE: usciti per limite di falli Urbinati (S) e Rocchi (S) nel quarto periodo; espulso Vrlic (T) nel secondo periodo; nel terzo periodo Nicosia (S) ha parato un rigore a Petronio; superiorità numeriche Rn Savona 5/12+2 rigori, Pallanuoto Trieste 5/16+1 rigore.

Continua il momento altalenante della Pallanuoto Trieste nella serie A1 maschile. Il turno infrasettimanale l’ha vista perde nettamente peraltro contro la seconda in classifica, complice l’assenza per influenza di Mladossich e Razzi. Sabato 2 dicembre seconda trasferta di fila con gli alabardati a Chiavari per affrontare la Rari Nantes Camogli (ore 19.15).

La classifica: Pro Recco 30; Savona 27; AN Brescia 21; Telimar Palermo 19; Ortigia Siracusa 18; Pallanuoto Trieste 15; Astra Nuoto Roma, Posillipo e Quinto Genova 13; De Akker Bologna 11; Catania 9; RN Salerno 7; Vis Nova Roma 5; Camogli 0.

Non basta alla Pallanuoto Trieste la vittoria a Genova, orchette fuori dai play-off

I risultati dell’ultima giornata della serie A1 femminile di pallanuoto hanno fatto sì, che la Pallanuoto Trieste non si sia qualificata ai play-off scudetto.

Così l’allenatore delle orchette Paolo Zizza: “È stata un’annata molto positiva, c’è grande rammarico.

Speravamo tanto di riuscire ad andare fino in fondo, ma purtroppo paghiamo gli scontri diretti. Ciò ci deve essere d’insegnamento per capire che per stare lì davanti dobbiamo crescere e migliorare ancora”.

LOCATELLI GENOVA - PALLANUOTO TRIESTE 7-12

(4-5; 0-0; 2-4; 1-3)

LOCATELLI GENOVA: Avenoso, Bianco 3, Canepa, Banchi, Ravenna 2, Lombardo, Minuto, Nucifora

1, Rossi 1, Magaglio, Cappello, Polidori, Stasi, Padula. All.: Della Zuana

PALLANUOTO TRIESTE: Sparano, Citino 3, De March 1, Cordovani, Marussi, Cergol 2, Klatowski,

Colletta, Gragnolati 2, Vukovic 3, Riccioli 1, Guya Zizza, Ingannamorte, Zoch. All.: Paolo Zizza

Arbitri: Braghini e Petrini.

NOTE: uscita per limite di falli Polidori (G) nel quarto periodo; superiorità numeriche Locatelli Genova 2/8+1 rigore, Pallanuoto Trieste 2/10+1 rigore.

Pallanuoto Trieste battuta anche a Bologna, sfuma l'Europa

Così il direttore sportivo triestino Andrea Brazzatti: “Ci abbiamo provato, però il troppo nervosismo non ci ha permesso di essere efficaci in fase offensiva”.

DE AKKER BOLOGNA - PALLANUOTO TRIESTE 8-7

(0-1; 3-1; 2-2; 3-3)

DE AKKER BOLOGNA: Santini, Marchetti, Puccio, Mengoli, De Freitas 1, Grossi 1, Camilleri 1, Milakovic 1, Alfonso Pozo 1, S. Luongo 3, Cocchi, De Simon, Pederielli, Takeuchi. All.: Mistrangelo

PALLANUOTO TRIESTE: Oliva, Podgornik, Petronio 1, Buljubasic, Vrlic, Valentino, Dasic 2, Mezzarobba 1, Razzi, Marziali 1, Bini 2, Mladossich, Caruso, Liprandi. All.: Bettini

Arbitri: Schiavo e Piano.

NOTE: usciti per limite di falli De Simon (B) e Buljubasic (T) nel quarto periodo; nel terzo periodo espulso Alfonso Pozo (B), nel quarto periodo espulsi Camilleri (B), Dasic (T) e Mladossich (T); superiorità numeriche De Akker Bologna 2/12+1 rigore, Pallanuoto Trieste 3/9+1 rigore.

Pallanuoto Trieste battuta in casa da Brescia

La Pallanuoto Trieste si era illusa inizialmente nel quarto turno del round scudetto della serie A1 maschile. La compagine giuliana ha chiuso avanti il primo quarto del match con la AN Brescia, storicamente l’avversaria per eccellenza della corazzata Pro Recco nei piani altissimi della categoria. Poi la gara è stata complessivamente combattuta, ma i lombardi – una volta messo il naso avanti nel secondo periodo – non hanno più mollato il vantaggio. Così il tecnico di casa Daniele Bettini: “Abbiamo fatto la nostra gara; i ragazzi hanno lottato su ogni pallone, la sconfitta ovviamente brucia, ma mi ritengo soddisfatto della prestazione e del coraggio messo in acqua”. Il prossimo impegno di campionato è in programma appena sabato 30 aprile alla “Bruno Bianchi” con la Rari Nantes Savona (ore 16.00).

PALLANUOTO TRIESTE - AN BRESCIA 10-12

(2-1; 1-3; 3-3; 4-5)

PALLANUOTO TRIESTE: Oliva, Podgornik, Petronio, Buljubasic 2, Vrlic, Valentino, Dasic 3,

Mezzarobba 2, Razzi, Marziali, Treu, Mladossich 3, Caruso, Liprandi. All. Bettini

AN BRESCIA: Tesanovic, Del Basso, Dolce 3, Balzarini 3, Lazic, Gianazza, Renzuto Iodice 1,

Guerrato, Alesiani 1, Manzi, Irving 4, N. Gitto, Milani Massenza. All. Bovo

Arbitri: Paoletti e Piano

NOTE: usciti per limiti di falli Manzi (B) e Marziali (T) nel terzo periodo, Del Basso (B), Valentino (T),

Mladossich (T), Guerrato (B) e Gitto (B) nel quarto periodo; nel terzo periodo Tesanovic (B) ha parato un rigore a Petronio; superiorità numeriche Pallanuoto Trieste 3/15+2 rigori, An Brescia 6/14+ 1 rigore.

Pallanuoto Trieste battuta in Grecia, Euro Cup in salita

La Pallanuoto Trieste è andata vicina al colpaccio nella terza giornata ta dell’Euro Cup maschile, ma anche stavolta è uscita sconfitta dalla coppa europea per la gioia dei tifosi di casa in versione supporters calciofili a fine partita (d’altro canto è noto che le tifoserie greche sono calde come altre peraltro). Lo stop ai rigori però è valso un puntino ai triestini. Gli ottavi di finale restano difficili da raggiungere (con Primorac e Ortigia a quota 6, Panionios a 5 e Pallanuoto Trieste a 1 nel girone D), ma finchè c’è vita, c’è speranza…recita un detto. E’ stato un duello colpo su colpo e nel finale Trieste è riuscita più volte a mettere il naso avanti di uno, ma è sempre stata raggiunta e ai rigori ad oltranza (il punteggio pre-penalty era di 16-16) è continuata la battaglia. Così il tecnico ospite Daniele Bettini: “Ovviamente non siamo contenti, ci rimane la consapevolezza di potercela giocare fino in fondo. Abbiamo dimostrato di possedere le qualità per poter fare bene contro qualsiasi avversario”.

PANIONIOS ATENE - PALLANUOTO TRIESTE 26-25 d.t.r (6-5; 3-4; 3-2; 4-5)

PANIONIOS ATENE: Galanidis, Kopeliadis 3, Bouzalas 1, Gkiuvetsis 1, Papakos, Grammatikos, Kalaitzis, Moskov 4, Mourikis, Gounas 4, Ukropina 2, Kapetanakis 1, Limarakis. All.: Dimou

PALLANUOTO TRIESTE: Oliva, Podgornik, Petronio 2, Buljubasic 2, Vrlic, Valentino 1, Dasic 5 ,Mezzarobba 2, Razzi 2, Marziali, Bini 1, Mladossich 1, Caruso. All.: Bettini

Arbitri: Kun (Ungheria) e Segurana (Spagna).

NOTE Usciti per limite di falli Grammatikos (P), Moskov (P), Podgornik (T) e Buljubasic (T) nel quarto periodo; superiorità numeriche Panionios 6/14, Pallanuoto Trieste 6/12+1 rigore.

Pallanuoto Trieste, finisce il ciclo con l'allenatore Daniele Bettini

Il 30 giugno 2024 scadrà il rapporto in essere tra la Pallanuoto Trieste e Daniele Bettini, l’allenatore della Prima squadra maschile. Dopo quella data le strade si separeranno. In merito il direttore generale Andrea Brazzatti afferma: “Dispiace molto, con Daniele abbiamo raggiunto traguardi importantissimi. Da quando è arrivato a Trieste si è distinto per grande professionalità, mettendo in pratica una waterpolo moderna e spettacolare, e dimostrando sempre tanta empatia. Riteniamo comunque, che sia arrivato il momento giusto per cambiare ed iniziare un nuovo ciclo”.