Skip to main content

Qui Alabarda, "Zeman" Bovino e ...famiglia: una grande passione per il calcio

24 Dicembre 2016
di vicedirettore

Nella famiglia Bovino il pallone è sempre stato un ingrediente fondamentale e una passione coltivata fin da piccoli. Il papà Salvatore, allena nei campionati dilettantistici, l'Alabarda Calcio Opicina che milita nel campionato di Terza categoria e ne è anche il proprietario. La moglie, Barbara, è il Presidente della società ed è una lavoratrice eccezionale e con tanta pazienza nei rapporti con la Federazione e le società consorelle. Il primogenito, Marco, 21 anni il prossimo gennaio, è uno dei calciatori più tecnici visti in Friuli Venezia Giulia negli ultimi anni, con esperienze in Serie D e Eccellenza ed un passato nei settori giovanili di Udinese e Triestina, mentre Andrea, 17 anni, è il primo tifoso dell'Alabarda.
L'Alabarda Calcio è stata fondata nel 2013 da Salvatore Bovino e Barbara Dilema con l'iniziale aiuto di alcuni amici; il sodalizio è di fatto sorto sulle ceneri dell'Esperia Anthares dalla quale ha ereditato il numero di matricola della Figc. L'attività che riguarda ora quasi 50 atleti dalla Prima squadra ai Piccoli amici si svolge a Opicina sulla ss 202.
Al termine della stagione 2013-2014 la società è retrocessa in 3^ Categoria. Nella stagione 2014-2015 la società è PROMOSSA in 2^ Categoria. La stagione 2015-2016 è sfortunata; molte assenze ed una rosa ristretta per tutto il campionato ma la squadra ha un guizzo nel finale che la porta allo sfortunato Play Out contro il Campanelle e l'Alabarda retrocede nuovamente in 3^ Categoria. Quest'anno si è ripartiti dalla 3^ Categoria e ci sono buone prospettive affinchè il team della famiglia Bovino possa partecipare ai Play Off.
Aiutati da un ristretto team di soci e dirigenti si fanno tutti in quattro per il buon funzionamento della società.
Salvatore Bovino è un mister “alla Zeman”, il gioco d'attacco è il suo credo. Corsa, tanta corsa si pretende dai ragazzi che stravedono per il loro mister ed lui stravede per i suoi ragazzi, specie i più giovani. Lui è un mister che crede molto nei giovani e li lancia in prima squadra.
Auguri.